Prevenire i rifiuti e gestirli al meglio: un successo il seminario organizzato da Postribù

 

575606_268356406628460_1532598388_nOltre centocinquanta tra amministratori, tecnici e cittadini si sono incontrati e confrontati sulla gestione dei rifiuti, dalla prevenzione alla raccolta porta a porta, dalla ricerca sull’intero ciclo di vita del prodotto alla responsabilità dell’industria nella progettazione, in uno scambio operativo e progettuale che, partendo dalle esperienze dei Comuni più virtuosi e “ricicloni” d’Italia, ha messo a sistema quanto già di buono il nostro territorio provinciale sta proponendo nel campo dei rifiuti.

 

L’occasione è stata quella del seminario “Previeni i rifiuti, cambia la vita! Strategie per una gestione virtuosa dei rifiuti urbani” organizzato a Rieti dalla onlus Postribù, presso la Biblioteca delle Officine Fondazione Varrone, grazie al contributo di Mani Tese e dell’Unione Europea nell’ambito di un più ampio progetto di prevenzione dei rifiuti nella provincia reatina.

 

Il seminario, moderato dalla giornalista Paola Cuzzocrea, e introdotto dalle progettiste di PosTribù, la presidente Giorgia Brugnerotto e la giornalista e scrittrice Marinella Correggia, dopo i saluti del sindaco di Rieti, Simone Petrangeli, e del presidente della Fondazione Varrone, Innocenzo De Sanctis, ha visto gli interventi di Roberto Cavallo, presidente AICA e della Cooperativa Erica ed autore del libro “Meno Cento Chili: ricette per la dieta della nostra pattumiera”, Enzo Favoino, docente della Scuola Agraria del Parco di Monza nonché coordinatore del Comitato Scientifico dell’Osservatorio Rifiuti Zero, Ezio Orzes, assessore all’Ambiente di Ponte delle Alpi, il Comune più “riciclone” d’Italia dove la raccolta differenziata supera il 90%, Alessio Ciacci, recente vincitore del premio Personaggio Ambiente 2012 ed assessore all’Ambiente di Capannori, Comune della provincia di Lucca noto per aver reso tangibile lo slogan “Rifiuti Zero”, Livio Martini, vicesindaco di Corchiano, dell’Associazione dei Comuni virtuosi.

 

L’evento è stato anche il primo vero confronto tra i principali Comuni che in provincia di Rieti hanno iniziato a sperimentare gli effetti positivi (economici, ambientali e di rapporto diretto con la popolazione) della prevenzione e di una raccolta differenziata porta a porta ben progettata e gestita: il sindaco di Toffia, Antonio Zacchia che, a nome dell’Unione dei Comuni della Valle dell’Olio, ha spiegato come hanno già raggiunto l’obiettivo di legge del 65% di differenziata e come si stanno avviando a chiudere il ciclo dell’organico nell’ambito locale per ridurre ulteriormente i costi; il vicesindaco e assessore all’Ambiente di Magliano Sabina, Fabio Di Giamberardino, che ha comunicato il prossimo raggiungimento del risultato imposto dall’Unione Europea al 2012 con la loro multiservizi; il sindaco di Contigliano Angelo Toni, che ha rappresentato la sua particolare esperienza di gestione porta a porta in economia con lavoratori in mobilità.

 

Ha inviato il proprio contributo anche il presidente della Comunita Montana IV, Vincenzo Leti, in rappresentanza del vasto territorio che comprende l’Unione Val D’Aia e Nova Sabina, anche loro in partenza con il sistema domiciliare.

 

Se a questi aggiungiamo il Comune di Cittaducale, che con il sindaco Roberto Ermini ha espresso la volontà di partire entro l’anno in corso, e il Comune di Rieti che con l’assessore all’Ambiente, Carlo Ubertini, ha annunciato l’imminente ampliamento della raccolta differenziata porta a porta ad altri quartieri cittadini, si arriverà in breve tempo a ridurre di due terzi il conferimento a smaltimento per l’intera provincia (20mila tonnellate future contro le attuali 60mila).

 

Sono questi i numeri con cui si è trovata a confrontarsi la neopresidente di Asm Rieti spa, Enza Bufacchi, nella sua prima uscita pubblica che l’ha vista coinvolta per tutta la durata del convegno e anche a margine con alcuni amministratori dei Comuni virtuosi intervenuti per verificare le buone pratiche importabili da subito nella realtà reatina.

 

Al termine del tavolo tecnico tutti hanno accettato la sfida di avviare un percorso che rimetta le amministrazioni locali in linea con le normative europee che fino ad oggi sono state violate, anche in termini di pianificazione.

 

E’ emersa la necessità, espressa da tutti gli intervenuti, di una revisione del Piano regionale dei rifiuti, recentemente bocciato dal Tar del Lazio, al fine di adeguare l’impiantistica prevista alle reali necessità di Comuni che sempre più numerosi stanno raggiungendo gli obiettivi di legge di raccolta differenziata, con sempre maggior bisogno, ad esempio, di soluzioni diffuse per la gestione dell’umido di qualità destinato al compostaggio, e sempre meno di impianti focalizzati sulla filiera dell’incenerimento, come quello di produzione di Cdr (combustibile da rifiuti) previsto a Casapenta.

 

A questo proposito i partecipanti hanno concordato di incontrarsi a breve con l’Amministrazione Provinciale per studiare una proposta condivisa di modifica del piano provinciale dei rifiuti da proporre alla prossima Giunta regionale.

 

 

Nel corso del convegno, Giorgia Brugnerotto e Marinella Correggia hanno ribadito l’importanza di mettere in atto azioni di prevenzione che riducano “a monte” la produzione di rifiuti.

 

Queste azioni possono essere messe in pratica da subito e senza investimenti – hanno dichiarato distribuendo al pubblico un decalogo per la prevenzione dei rifiuti e commentando la mostra itinerante “Mali fossili e beni del futuro” curata da Marinella Correggia e allestita nella sala del convegno – e permettono di ridurre notevolmente i costi che i Comuni devono sostenere per differenziare e/o smaltire i rifiuti, si pensi all’incentivazione del consumo di acqua del rubinetto o dei negozi che vendono prodotti sfusi senza imballaggi, alle eco sagre, alla promozione dei pannolini lavabili. Ricordiamo che i migliori rifiuti sono quelli che non vengono prodotti”.

 

 

Gli atti del convegno – realizzato con la partnership di Comune di Rieti, Unioni Nova Sabina, Val D’Aia e Valle dell’Olio, Ordini professionali degli architetti, degli ingegneri, dei geologi, degli agronomi e il Collegio dei geometri e dei geometri laureati e con il patrocinio di Comunità Montana Sabina, Riserva Navegna-Cervia, l’Istituto Superiore Ciancarelli di Rieti, Legambiente Bassa Sabina e l’Associazione Germogli – sono in pubblicazione sulla pagina web https://postribu.net/progetti/previeni-i-rifiuti-cambia-la-vita/materiali-e-atti-del-convegno/.

 

 

Annunci