Piani Integrati: il TAR non ha sancito la correttezza del Comune; il sindaco non bulleggi e controlli ciò che scrive

E’ evidente come Emili ignori o nasconda quello che appena ieri aveva scritto e che noi riportavamo: “il tribunale amministrativo del Lazio aveva già sancito la correttezza dell’azione del Comune di Rieti”.

Escludiamo tuttavia uno stato di confusione mentale, perché è invece evidente come questa linea di travisare le sentenze sia strategica.

La dichiarazione fatta appena ieri dal Sindaco (“il tribunale amministrativo del Lazio aveva già sancito la correttezza dell’azione del Comune di Rieti”) che era la sola che gli contestavamo e che lui oggi ignora, è infatti in linea con il commento fatto da Costini a settembre sulla stessa sospensione (da parte del TAR). Anche l’ex assessore allora dichiarava: “questa prima decisione del Tar ha giudicato ineccepibile l’iter e il contenuto dei nostri atti amministrativi, a partire dai meccanismi di controllo previsti dalla procedura dei piani. Ciò a riprova dell’assoluta correttezza con cui ci siamo mossi”.

Entrambe le dichiarazioni travisano il giudizio del TAR, affermando che il TAR stesso abbia “giudicato ineccepibile” e “sancito la correttezza” dell’azione amministrativa; questo non corrisponde al vero poiché il TAR si è espresso finora solo ed esclusivamente sulla richiesta di sospensione immediata.
Evidentemente alla precisione sui fatti, si preferisce utilizzare il metodo Goebbels, ministro della propaganda nazista, che diceva “ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”.

Chiuso il merito sul significato della sentenza e sul tentativo di suo travisamento, resta da spendere una parola sulla chiusa romanesca del Sindaco, in cui egli dimostra tutto il suo livello culturale e suggella in modo indelebile lo stile bullesco del suo pluriennale amministrare; auguriamo alla destra reatina una scelta, come prossimo candidato sindaco, che si distacchi da questo stile.

Associazione PosTribù
Associazione Sabina Radicale

Annunci

Un pensiero su “Piani Integrati: il TAR non ha sancito la correttezza del Comune; il sindaco non bulleggi e controlli ciò che scrive”

I commenti sono chiusi.