22 marzo: Giornata Internazionale di Mobilitazione per il Diritto Umano all’Acqua

Si celebra oggi in tutto il mondo la Giornata Internazionale di Mobilitazione per il Diritto Umano all’Acqua. Acqua bene comune, risorsa vitale e diritto inalienabile di ogni uomo e donna sulla terra.
Una Giornata che unisce tutte le lotte che si combattono nei territori del Nord e del Sud del mondo per il riconoscimento di questo diritto fondamentale e per la difesa delle risorse e del servizio idrico dagli interessi privati, ma che ancora oggi, a ben guardare, ha poco da festeggiare.
Se da un lato infatti l’offensiva delle multinazionali e del WTO è feroce, dall’altra poco ancora hanno fatto i governi per porre rimedio all’appropriazione privata del bene comune più vitale.

Proprio oggi a Istanbul si chiude il Forum Mondiale dell’Acqua, organizzato dalle multinazionali della nuova risorsa strategica. Un Forum durante il quale nulla è mutato nelle posizioni dei governi, che continuano a promuovere privatizzazioni e ad affermare che l’acque è una merce.
Sempre in Turchia in questi giorni si è conclusa la Carovana dell’Acqua che ha attraversato il Kurdistan Turco, visitando i territori minacciati dalla costruzione di megadighe e impianti idroelettrici. Le stesse dighe (Ilisu, Yusufeli, Munzur) giudicate dalla sessione straordinaria del Tribunale dell’Acqua che si è celebrato nella capitale turca dal 10 al 14 marzo scorsi, e la cui sentenza ha messo in luce le enormi responsabilità dello Stato turco nell’applicare politiche lesive dei diritti individuali e collettivi della popolazione e dell’ambiente.

In Italia, le lotte per l’acqua continuano a costruire una geografia di resistenza che tocca comunità, paesi, città. Ieri 21 marzo è stata celebrata a Roma una assemblea pubblica per discutere di ACEA, l’ex municipalizzata capitolina, poi privatizzata per metà, che ha acquisito partecipazioni in altre società in Italia ed all’estero, violando spesso le leggi e il diritto all’accesso all’acqua delle popolazioni.
Scarsi investimenti nelle infrastrutture idriche, aumento delle tariffe, scarsi controlli di qualità sull’acqua, distacchi illegittimi sono solo alcune delle violazioni più ricorrenti. É quello che accade ad esempio a Bogotà, dove dall’ingresso di ACEA nella gestione del servizio idrico, le tariffe sono vertiginosamente cresciute, di fronte a un servizio rimasto di bassa qualità. L’intenzione dei movimenti romani ed italiani per l’acqua è quella di lanciare contro ACEA una campagna di azione ed informazione, che articoli nei prossimi mesi una serie di azioni e mobilitazioni per richiamare l’attenzione sulla problematica e aprire un processo cittadino che porti come risultato finale alla ripubblicizzazione dell’impresa.

Per continuare a discutere di acqua assieme ad organizzazioni, movimenti, istituzioni pubbliche e agli attivisti italiani di ritorno dalla Carovana in Kurdistan, l’appuntamento è per il 9 aprile, con l’iniziativa ACQUA e LIBERTA’, nella Sala della Pace di Palazzo Valentini a Roma, alle ore 15.00.
Contatto: maricadipierri@asud.net http://www.asud.net

Annunci