Festa della Mietitura: Una festa per riscoprire il grano e le antiche tradizioni

2015-07-14 18.58.02A Ponzano di Cittaducale (Rieti) il 17, 18 e 19 luglio laboratori, presentazioni e spettacoli alla ri-scoperta della vita rurale

Tutto pronto per la Festa della Mietitura, che si terrà nella nascente azienda agricola Tularù, a Ponzano di Cittaducale (Rieti) il 17, 18 e 19 luglio e organizzata dall’associazione Social Valley, a cui aderiscono numerose realtà locali e nazionali impegnate nei temi della sostenibilità ambientale. 

Fulcro della Festa sarà il lavoro in campo, dove apprendisti volontari e maestri mietitori saranno all’opera per riscoprire l’antica arte della mietitura a mano del grano; un grano biologico, quello coltivato a Tularù, da sementi antiche che saranno riconosciute in campo dall’ARSIAL, e che sarà usato per produrre farina macinata a pietra e pane “di comunità a filiera corta”.

Oltre alle sessioni di lavoro mattutine e serali della tre giorni, molti saranno i laboratori e le attività di approfondimento e di intrattenimento per tutte le età.

Si partirà il venerdì pomeriggio, dopo il lavoro nei campi e il pranzo contadino a base di prodotti locali, con incontri dedicati ai temi dell’agricoltura e della vita rurale: interverranno Riccardo Bocci della Rete Semi Rurali per parlare dei valori agronomici e colturali dei grani antichi, Matteo Mancini di Deafal Ong che illustrerà i principi dell’agricoltura organica e rigenerativa, Luca Martinelli della rivista Altreconomia che affronterà il tema delle “Ri-conversioni” e Miguel Acebes, fondatore della Social Valley e della startup Tularù, vincitrice del premio RestartApp 2014 della Fondazione Garrone di Genova.

Sempre nel pomeriggio del venerdì si potrà imparare a fare i saponi naturali seguendo il laboratorio di Federico Grisci, mentre alle 22 sarà proiettato, in compagnia della famiglia protagonista, il docu-film “Unlearning”, racconto di un viaggio attraverso ecovillaggi, comunità ed esperienze di persone che hanno avuto il coraggio di cambiare drasticamente vita.

Sabato mattina e fino a sera l’associazione Postribù proporrà un momento di condivisione tra panificatori reatini: un raduno per tutti gli appassionati di pasta madre, per fare il pane tutti insieme con i grani antichi, seguendo i ritmi della lievitazione naturale e della condivisione dei saperi; parallelamente anche i bambini potranno mettere le mani in pasta in uno spazio interamente dedicato a loro.
2015-07-14 19.00.43A partire dalle 10 e fino al giorno successivo si terrà il laboratorio di autocostruzione di una Compost Toilet, a cura del Progetto Téknes, che insegnerà come realizzare l’evoluzione ecologica di un bagno senza fogna né scarico e perfettamente eco-compatibile.

L’associazione sportiva Terreno Avventura organizzerà tutto il giorno delle attività per ragazzi dai 9 ai 14 anni per imparare a sopravvivere nei boschi di montagna; al mattino inoltre ci sarà una dimostrazione di tiro con l’arco da parte degli Arcieri di Jarno e dalle 16 si potrà fare una passeggiata guidata da Olindo Tempesta per scoprire e riconoscere le erbe selvatiche.

Dopo aperitivo e cena rurale ci saranno il Concerto Improvvisato di “Musici e Viandanti” con Stefano dei Grazie Mario, e lo spettacolo di burattini per adulti e bambini “Antidoto Lento”.

Domenica 19, ultimo giorno della festa, le attività spazieranno dal laboratorio mattutino per imparare a realizzare i cesti insieme al cestaio Peppe Picchi, alla passeggiata col somaro e il calesse proposta dall’associazione Partecipazione, al laboratorio pomeridiano di Postribù per i bambini di tutte le età per colorare con gli elementi della natura, attività intramezzate da una grigliata di prodotti locali nello scenario rilassante degli stagni naturali della tenuta.

Durante l’aperitivo della domenica sarà inoltre ospite della festa il progetto Next Rieti che mira alla rigenerazione urbana e partecipata dell’area industriale reatina della ex Snia Viscosa.

Per tutta la festa si potrà vedere la mostra fotografica “La Famiglia de na Orde” curata da Orizzonti Sabini, degustare vini, birre e “prodotti buoni” locali, e campeggiare gratuitamente.

Per i pranzi, le cene e la partecipazione ai laboratori si consiglia la prenotazione.

Ulteriori informazioni e contatti sui siti: www.tularu.itwww.socialvalley.it
info@tularu.it – tel 347/1077789 – 328/6666038

Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/655829994560472/

Annunci