GIORNATA INTERNAZIONALE DEL RIFUGIATO. MENO CELEBRAZIONI E “CARITA’ PELOSA” PIU’ FATTI E RISPETTO DEI DIRITTI UMANI.



ASSOC. GERMOGLI – COMITATO RIFUGIATI RIETI-
CITTADINANZATTIVA – ASSOC. POSTRIBU’
COMUNICATO  STAMPA
19 Giugno 2010
GIORNATA INTERNAZIONALE DEL RIFUGIATO.
MENO CELEBRAZIONI  E “CARITA’ PELOSA” PIU’ FATTI E RISPETTO DEI DIRITTI UMANI.
Autocelebrazioni  e  festicciole, da sempre, non si negano a nessuno, neppure ai rifugiati ed agli immigrati, da parte delle Istituzioni che pure se ne dovrebbero occupare. Ma, la realtà che viene loro riservata é spesso ben diversa da ciò che si vaneggia nei palazzi di Governo e tra un’aranciata, un pasticcino  e quattro balli.
Tra gli immigrati ed in particolare tra diversi rifugiati, vi é una condizione di grande disagio sociale, che non può affatto essere ricondotta alla solita crisi sociale ed economica. Molti vivono letteralmente di “carità” e, nonostante la dignità con la quale affrontano i problemi e la grande solidarietà che attivano spontaneamente tra loro e che ricevono da una parte della popolazione reatina, questo non basta a mitigare il loro disagio.

Ma tanté, la Carta internazionale dei Diritti dell’Uomo” sancisce che i governi di tuTto il mondo si adoperino perché vengano accolti e che godano dei diritti sociali riservati a tutti gli altri cittadini ed il giorno 20 giugno Comune e Caritas  festeggiano la ” GIORNATA INTERNAZIONALE DEL RIFUGIATO”,  con bei discorsi di circostanza sull’accoglienza ed i diritti dei più deboli.
Ma per come hanno vissuto questi  anni, la condizione dei rifugiati e degli immigrati, la realtà risulta ben diversa.

Viene male, ad esempio ricordare come la stragrande maggioranza di loro, passati i primi 6 mesi di accoglienza, finanziati con circa 300 mila euro governativi, sono stati “bruscamente invitati” a lasciare gli alloggi ed allontanarsi da Rieti, facendo capire che non erano “graditi” né da Sindaci, né dalla popolazione. A quanti hanno resistito alle continue e pressanti “minacce di sgombero”  sono state “tagliate le utenze: senza luce e riscaldamento nei mesi invernali, ….persino una ragazza al 7°  mese di gravidanza, senza che nessuna Istituzione se ne preoccupasse. …Non é stato facile !. Ai volontari delle Associazioni che sostenevano i diritti dei Rifugiati, il Sindaco di Cantalice sosteneva che lui non poteva neppure pagare un affitto di casa, né la bolletta della luce, ed a noi insistenti che eravamo “estremisti”. Ma alle celebrazioni dell’accoglienza, quando arrivavano i soldi per le cooperative locali, c’era anche lui…E ricordiamo bene che né Prefettura (che pure aveva il mandato istituzionale di sorvegliare sulla sicurezza dei Rifugiati), né il Comune di Rieti, né la Questura si sono adoperati a garantire diritti dei più deboli. Anzi, mentre arrivavano vere e proprie “minacce di sgomebro” da cooperative e Questura per farli uscire dalle case, venivano staccate le utenze di corrennte elettrica e riscaldamento delle abitazioni dove sono rimasti dopo le loro e nostre proteste ed opposizioni, lasciandoli al freddo, al buio e senza la possibilità di una doccia calda.

Una VERGOGNA SOCIALE, un malcelato RAZZISMO di cui, al contrario, dovrebbero vergognarsi ! altro che “accoglienza” !

Domenica, il Comune di Rieti finanzia la “festa del rifugiato”  ,  con balli e canti…(già, quello stesso Comune  che finanzia un “Ufficio Immigrati” con 90.000 euro l’anno, ma non destina fondi sufficienti per aiutare lo stesso Ufficio a trovargli una casa e garantire loro almeno un pasto al giorno sino a quando non riescono a trovarsi un lavoro che li renda autonomi.

Oggi gli immigrati, di cui i Rifugiati sono una parte, pagano con il loro lavoro le pensioni di noi italiani, senza ricevere in cambio quasi nulla. Assistono i nostri anziani invalidi e fanno i lavori che gli ialiani non sono disposti a fare.
E’ forse l’ora di di dire forte e chiaro che meritano tutto il nostro rispetto e diriitti tanto quanto qualsiasi cittadino italiano !. ….Ma forse, queste nostre Istituzioni non sono poi tanto abituate a garantire diritti neppure ai comuni cittadini italiani !

Ass. GERMOGLI

COMITATO RIFUGIATI Rieti
CITTADINANZATTIVA Rieti
Ass. POSTRIBU’
Advertisements