EMERGENZA IN LIBIA – appello

Nel carcere di Misratah in Libia, ci sono stati duri scontri tra profughi eritrei, che avevano rifiutato di fornire le proprie generalità all’ambasciata del Paese da cui stanno fuggendo,  e  la polizia di Gheddafi.
Più di 200 persone sono state deportate con i container  nel carcere di Brak, vicino a Sabah, nel deserto libico.
Tra loro anche una parte degli eritrei respinti in mare dalla marina italiana nell’estate 2009.
Se fossero arrivati in Italia probabilmente avrebbero avuto la protezione umanitaria.
Invece, in queste ore, oltre a subire le violenze della polizia libica, rischiano l’espulsione in Eritrea, paese dittatoriale da cui stanno fuggendo.
Tutto ciò deve essere fermato.
Invitiamo tutti a scrivere immediatamente al Presidente della Repubblica.
Cliccate qui per sapere come.
La comunità internazionale e le organizzazioni umanitarie si stanno mobilitando.
L’on.Tuadì ha presentato un’interrogazione parlamentare.
Le violenze e le ingiustizie in Libia ormai sono sotto gli occhi di tutti.
La politica dei respingimenti produce solo violenza e violazione dei diritti umani.
Il successo di Maroni è di aver reso l’Italia un Paese illegale rispetto alle convenzioni internazionali.
Ora tutto ciò va fermato.
COME UN UOMO SULLA TERRA e FORTRESSEUROPE

Advertisements